annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Casinò Banking

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #46
    bel servizio RAI sui BitCoin e le monete digitali
    Codice La vita è digitale
    Denaro "liquido"?

    Stazione 2017 - 28/07/2017


    Il contante sta scomparendo. Nuove valute digitali come il Bitcoin aumentano il loro valore. Sistemi di certificazione delle transazioni, come la blockchain vogliono cambiare le strutture di Banche e Governi. Siamo andati in Giappone, dove il bitcoin è riconosciuto come lo Yen; abbiamo incontrato i fondatori di Ethereum a NY, e abbiamo fatto spese in Cina, dove nessuno gira più col portafoglio e tutto si paga tramite App; ma anche l'Italia è avanti: il bitcoin viene usato per la compravendita di appartamenti e per la beneficienza.

    La vita non è un giro di prova, cogli l’attimo.
    Realizzazione per Metatrader4 di trading system, indicatori, pattern grafici, Ottimizzazioni IS-OOS su Forex e CFD, Analisi di Portafoglio

    Commenta


    • #47

      Commenta


      • #48
        una bella sintesi con spiegazioni grafiche,

        e con un video sottotitolato in inglese
        https://www.youtube.com/watch?v=K8kua5B5K3I
        di una fabbrica cinese "mining factory" da 120 bitcoin al giorno e 80 mila dollari al mese di bolletta elettrica.


        Bitcoin: il valore è aumentato 80 mila volte in 9 anni




        La vita non è un giro di prova, cogli l’attimo.
        Realizzazione per Metatrader4 di trading system, indicatori, pattern grafici, Ottimizzazioni IS-OOS su Forex e CFD, Analisi di Portafoglio

        Commenta


        • #49
          Settimana scorsa il più grande finanziere del mondo, Warren Buffett, ha scommesso sull’Italia, comprando il 9% di Cattolica. A distanza di una settimana, tuttavia, il più grande hedge fund al mondo Bridgewater Associates, ha scommesso 713 milioni di

          Commenta


          • #50
            Bitcoin, valore e costo per l’economia e l’ambiente: quanto «inquina» la criptomoneta?

            La vita non è un giro di prova, cogli l’attimo.
            Realizzazione per Metatrader4 di trading system, indicatori, pattern grafici, Ottimizzazioni IS-OOS su Forex e CFD, Analisi di Portafoglio

            Commenta


            • #51
              Sul tema gestori abusivi ce ne sarebbe parecchio da dire...ma io mi chiedo come fanno a dare i soldi in gestione a privati??
              Secondo quanto riporta la stampa locale, il professionista avrebbe dirottato sui propri conti i risparmi dei clienti. Le accusono sono di truffa, appropriazione indebita, falso e altri reati finanziari.

              Commenta


              • #52
                la vedo dura per il futuro

                La Cruda Verità sul Futuro del Lavoro

                Nel giro di 30 anni il mondo del lavoro verrà rivoluzionato totalmente. Alcuni cambiamenti sono già in atto, ed è probabile che l’automazione prenderà sempre di più il sopravvento e i lavori per cui stiamo studiando adesso, tra qualche anno non esisteranno più. Cosa fare, quindi?

                La vita non è un giro di prova, cogli l’attimo.
                Realizzazione per Metatrader4 di trading system, indicatori, pattern grafici, Ottimizzazioni IS-OOS su Forex e CFD, Analisi di Portafoglio

                Commenta


                • #53
                  bisognava comprarli quando costavano poco... col senno del poi

                  I gemelli miliardari con i Bitcoin
                  Cripto-moneta in Borsa a Chicago


                  Cameron e Tyler Winklevoss nel 2013 puntarono 11 milioni sulla valuta

                  Si dice che l’ambizione di John Davidson Rockefeller, a 16 anni, fosse di guadagnare almeno 100 mila dollari. Divenne l’uomo più ricco del mondo nel 1916, quando di anni ne aveva 25. L’aneddoto è forse un apocrifo ma ricorda che la ricchezza, come ogni altro rituale del mercantilismo, ha bisogno delle sue mitologie. Fino al 1737 c’erano i Medici a simboleggiare il potere del denaro. Poi ci fu la stagione dei grandi banchieri, i Rothschild, e dei grandi capitalisti, appunto i Rockefeller. Dei nuovi ricchi, dai Gates agli Zuckerberg con un salto generazionale.

                  Ora anche il bitcoin ha la sua mitologia finanziaria, oltre ai misteri sulle sue origini: la moneta digitale la cui produzione è regolata da un algoritmo e che in questi giorni sta sperimentando nuovi pericolosi record avrebbe regalato alla storia economica i primi cripto-miliardari. Non due sconosciuti qualunque, ma i gemelli Cameron e Tyler Winklevoss. Due corpulenti ex olimpionici di canotaggio oggi trentaseienni, famosi soprattutto per essere stati tratteggiati un po’ come due ragazzoni naif alle prese con il genio Zuckerberg nel film The social network, opera cinematografica sulle origine di Facebook.

                  La storia è nota: i due naif ad Harvard, tra una lezione e un allenamento massacrante ai remi, ebbero un’idea. Perché non creare un social network delle università chiamandolo HarvardConnection? A chi chiesero l’esecuzione del progetto? A Mark Zuckerberg che di lì a poco fondò Facebook.

                  Sono stati spesi fiumi di inchiostro su questo passaggio: probabilmente in mano ai due olimpionici il sito sarebbe rimasto una rete universitaria. Impossibile da dimostrare. Ma ragionevole da affermare. Ciò che conta è che i due gemelli di Southampton fecero nel 2008 causa a Zuckerberg. Chiesero 600 milioni di dollari, ma ne ottennero 65. E veniamo ai bitcoin: proprio nel 2008, mentre per inciso i due gemelli erano a Beijing per partecipare alle Olimpiadi, emerse dalle miniere della rete la storia di Satoshi Nakamoto, soprannome usato dall’ancora misterioso padre della cripto-moneta più volatile che esista. Altro tassello: nel 2013 i Winklevoss dichiararono al New York Times di avere puntato 11 dei 65 milioni in bitcoin. Ed ecco il miliardo: nel corso di quell’anno la quotazione della moneta si mantenne per lungo tempo intorno ai 100 dollari. In questi giorni le quotazione da dose doppia di aspirina per i deboli di polso sono passate dai 16.858 del 7 dicembre ai 14.870 dollari di due giorni fa. Se non hanno mai venduto — cosa che nessuno sa veramente, perché i due gemelli si sono guardati bene dallo scoprire le loro carte alimentando, appunto, la mitologia — il miliardo di dollari è stato anche superato.

                  All’entusiasmo per i primi miliardari della storia in bitcoin si è aggiunto quello delle prime opzioni sulle criptovalute che da domenica sono quotate alla Chicago Board Options Exchange: ieri i future con scadenza 17 gennaio 2018 avevano già raggiunto quota 17.750 dollari.

                  Torna utile in questi casi ricordare che i «futures» sono nati in Olanda durante la famosa febbre per i bulbi di tulipani. Chi conosce la storia sa cosa è successo nel 1637.

                  Historia magistra vitae. Anche nell’era dei bitcoin.

                  La vita non è un giro di prova, cogli l’attimo.
                  Realizzazione per Metatrader4 di trading system, indicatori, pattern grafici, Ottimizzazioni IS-OOS su Forex e CFD, Analisi di Portafoglio

                  Commenta


                  • #54
                    USA, rapina di criptomoneta a mano armata

                    Un caso di furto di Ether mette in luce i rischi prossimi venturi di possedere un congruo numero di monete virtuali tra le più popolari. Il malfattore ha incassato un bottino milionario usando la pistola e trafugando portafogli digitali

                    Il procuratore distrettuale della Contea di New York si è recentemente occupato di un caso di rapina a mano armata piuttosto insolito, dove il "bottino" è costituito da un walletvirtuale contenente criptomoneta per un valore totale di quasi 2 milioni di dollari. Il colpevole avrebbe messo in piedi un piano elaborato perché sapeva di andare a colpo sicuro.

                    Louis Meza, uomo trentacinquenne che dovrà rispondere delle suddette accuse formulate dalla procura, ha infatti organizzato un incontro con un conoscente in possesso di un certo numero di Ether - una delle criptomonete preferite dai cyber-criminali accanto all'immancabile Bitcoin.

                    Meza, invece, è un criminale vecchio stampo: alla fine dell'incontro ha chiamato un servizio di corsa automobilistica per il conoscente, che si è fidato ed è entrato in auto. Nascosto nell'auto c'era però un altro complice, che ha puntato la pistola in testa alla vittima obbligandolo a consegnare portafogli, chiavi e cellulare.In seguito, le telecamere di videosorveglianza hanno registrato Meza che entrava nell'appartamento del conoscente e ne usciva fuori con un pacchetto - il presunto dispositivo su cui erano stati trasferiti gli 1,8 milioni di dollari di Ether in possesso del conoscente. Alla fine Meza ha trasferito Ether sul proprio wallet personale esattamente per un valore di 1,8 milioni di dollari.

                    La rapina di criptomonete a mano armata può al momento essere considerato un crimine ancora poco diffuso ma, come avverte il procuratore della Contea di New York, con il valore delle monete virtuali che schizza alle stelle (Bitcoin o Ethereum che siano) potrebbe diventare molto più comune nel prossimo futuro.

                    La vita non è un giro di prova, cogli l’attimo.
                    Realizzazione per Metatrader4 di trading system, indicatori, pattern grafici, Ottimizzazioni IS-OOS su Forex e CFD, Analisi di Portafoglio

                    Commenta


                    • #55
                      Non male i fratelli Cameron e Tyler Winklevoss..

                      Commenta


                      • #56
                        un esempio di insider trading ...col Pd


                        https://www.ilfattoquotidiano.it/pre...ato-con-renzi/

                        La vita non è un giro di prova, cogli l’attimo.
                        Realizzazione per Metatrader4 di trading system, indicatori, pattern grafici, Ottimizzazioni IS-OOS su Forex e CFD, Analisi di Portafoglio

                        Commenta


                        • #57
                          pillole di cruda verità dalla Gabanelli sul Corriere della sera


                          Perché i banchieri non pagano mai le proprie colpe
                          di Milena Gabanelli e Massimo Gaggi

                          banchieri_gabanelli.PNG





                          La vita non è un giro di prova, cogli l’attimo.
                          Realizzazione per Metatrader4 di trading system, indicatori, pattern grafici, Ottimizzazioni IS-OOS su Forex e CFD, Analisi di Portafoglio

                          Commenta


                          • #58
                            Montagne russe...




                            .



                            Bitcoin investors Newbies Vs Veterans



                            La vita non è un giro di prova, cogli l’attimo.
                            Realizzazione per Metatrader4 di trading system, indicatori, pattern grafici, Ottimizzazioni IS-OOS su Forex e CFD, Analisi di Portafoglio

                            Commenta


                            • #59
                              La truffa dei diamanti, 700 francesi sul lastrico: "Spariti nel nulla i risparmi di una vita"

                              "Un diamante è per sempre" e quelli che ci hanno creduto sono rovinati. Chi sono le vittime della truffa? Gente avveduta, che ha messo da parte i soldi di una vita e che speravano di moltiplicare il patrimonio, la liquidazione o trasformare un gruzzolo fermo sul conto corrente. Speranze di riavere qualcosa indietro? Poche, solo una parte della liquidità potrebbe essere recuperata in seguito al sequestro dei conti bancari di alcune società prestanome come "Private diamond", "Vendome Tradition" e siti altrettanto fantasiosi come "Diamantin", "Tradition diamant", "Bourse des diamants"

                              Questa storia ha dell'incredibile perché se da una parte ci sono dei truffatori professionisti, dall'altra ci sono delle persone che con l'idea di arricchire il proprio patrimonio sono finiti in una trappola mortale: la truffa dei diamanti che ha visto sprofondare nella miseria 700 francesi.

                              Il caso, scoppiato nel 2017, viene raccontato dall'inchiesta di Le Monde che ha dato voce alle vittime: "Non ho mai avuto tanto male alla pancia in tutta la vita, neppure quando ho partorito. È come precipitare dal 30esimo piano", racconta Christiane al quotidiano. Parole che, come sassi, raccontano come sono spariti 450 mila euro: risparmi di una vita accumulati insieme al marito.

                              In sintesi è un po' come chiudere gli occhi e vivere un sogno. Credi di diventare ricco fino a quando suona la sveglia e prendi coscienza di aver perso tutto. Così l'investimento in diamanti non c'è mai stato e quello che ti avevano promosso era soltanto fuffa. Al numero dei consulenti di fiducia non risponde più nessuno, nessuna e-mail: solo il silenzio e la consapevolezza di aver sbagliato strada. Quella di Christiane è soltanto una delle storie, che va moltiplicata per altri 700 francesi finiti nella grande truffa dell'investimento in diamanti. ù

                              Eppure anche i tg celebravano le potenzialità infinite di questo investimento che non invecchia mai; la possibilità di diventare ricchi; e l'amplificazione dei social che continuavano a dare voce agli esperti del settore che, dal piccolo schermo, continuavano l'opera di convincimento sul web. Colette, una delle truffate, racconta il suo dramma con la società "Private diamond", alla quale - dopo aver visto e rivisto quel servizio al telegiornale - aveva affidato tutti i suoi risparmi, 250 mila euro. Un investimento pensando a figli e nipoti. Poi la telefonata: "Pronto, signora, qui è Yves Van den Hove di Private diamond. Ho una bellissima notizia per lei, la rimborsiamo prima del previsto. Un russo è d'accordo per acquistare i suoi diamanti". Il suo "contatto" le aveva spiegato che in ogni caso servivano 90 giorni per essere rimborsati. Ma il sogno si infrange con la seconda telefonata: "Sì - le dice lo sconosciuto - c'è l'opportunità di riavere i soldi in due giorni, ma bisogna pagare l'iva, sono 29 mila euro". In quell'istante, Colette comprende di essere stata truffata.




                              La vita non è un giro di prova, cogli l’attimo.
                              Realizzazione per Metatrader4 di trading system, indicatori, pattern grafici, Ottimizzazioni IS-OOS su Forex e CFD, Analisi di Portafoglio

                              Commenta


                              • #60
                                Bitmain guadagna più di Nvidia grazie al mining di Bitcoin

                                Grazie all'attività di produzione di Bitcoin, la cinese Bitmain ha guadagnato 4 miliardi di dollari nel 2017, staccandosi nettamente da un'azienda del calibro di Nvidia. Durerà?


                                Quanto si guadagna con l'attività di mining di BitCoin? Stando a quanto riportato dalla Cnbc tantissimo. E le cifre guadagnate da uno dei player cinesi più attivi nella redditizia attività sono una conferma. La Bitmain con base a Pechino avrebbe ottenuto un risultato operativo di 4 miliardi di dollari nel 2017. Una cifra che secondo gli analisti della statunitense Bernstein ha superato (e di molto) il risultato di un altro gigante dell'elettronica, la Nvidia. L'azienda si è dovuta "accontentare" di fermarsi a quota 3 miliardi, sempre secondo le stime.



                                Ma chi è la Bitmain? Si tratta di una azienda cinese proveniente dal mondo delle start-up. Fondata nel 2013 da Micree Zhan e Jihan Wu si è fin da subito specializzata nella produzione di cripto moneta (che ricordiamo vincolata ad un elevato consumo di energia elettrica), fino ad occuparsi in tempi più recenti dello sviluppo di chip per l'intelligenza artificiale. Quel che fa sorprendere è l'elevata spinta di crescita che l'azienda ha realizzato. Gli analisti fanno infatti notare che: "Bitmain ha raggiunto questo obiettivo in soli quattro anni, mentre a Nvidia sono serviti 24 anni per arrivare qui".Bitmain ha capito fin dai primordi che si sarebbe trattato di una operazione redditizia e per questo ha concentrato il suo business proprio nelle attività di mining. Sia facendolo da sé, sia producendo application specific integrated circuit (dette asic) da vendere ad altri interessati al business e ad una riduzione dei tempi e dei consumi. Ma Bitmain è stata tra le prime a capire anche che l'unione fa la forza, quindi ha saputo vendere servizi di mining pool, ovvero condivisione di macchine per la produzione dei Bitcoin ricevendo denaro da quanto vogliono "proporsi" per la vendita della loro energia. Sapendo cavalcare l'onda l'azienda è arrivata oggi a detenere tra il 70 e l'80 per cento delle quote di mercato dell'attività di produzione.

                                L'astuzia di Bitmain per rimanere sempre vivace sul mercato è stata di adattare i suoi prezzi all'andamento del Bitcoin. Quindi se la valuta perde valore, è possibile comunque non perdere "clientela" che infatti dovrà sostenere costi più ridotti. La politica commerciale cosiddetta win-win. Va bene al cliente, va bene all'azienda.

                                Gli analisti hanno fatto notare inoltre, che Bitmain ha sempre tenuto aggiornata la sua tecnologia, nel tentativo di mantenere sempre la massima affidabilità, ma anche contando un maggior risparmio energetico. Il passaggio ad esempio a chip costruiti con tecnologia a 7 nanometri è un esempio di questa strategia. L'azienda sarebbe addirittura tra le prime 5 aziende per acquisto e uso di chip di nuova generazione.

                                Evidentemente le altalenanti vicende sulla regolamentazione del Bitcoin sta creando disagi nel mercato della cripto moneta (che ha avuto a che fare con una volatilità in alcuni casi esagerata nelle ultime settimane). Sapendo che dipendere dal volere di un unico governo (e particolare come quello cinese) potrebbe comportare rischi per la crescita, Bitmain ha scelto di aprire delle filiali anche in Israele (aprile scorso) e si appresta ad aprire anche in Canada e Svizzera. L'azienda sta dando dimostrazione di sapere come muoversi in questo mercato tanto rischioso quanto pieno di opportunità.

                                Mirko Zago
                                La vita non è un giro di prova, cogli l’attimo.
                                Realizzazione per Metatrader4 di trading system, indicatori, pattern grafici, Ottimizzazioni IS-OOS su Forex e CFD, Analisi di Portafoglio

                                Commenta

                                Sto operando...
                                X